Banner di INNrete
ItalianoIngleseLingue
Home | Ricerca aziende
IT - Informazioni >> Per i consumatori >> Il territorio di Firenze >> Il Vino Toscano
Livello superiore ..
 
Il Vino Toscano
La Storia del Vino
Curiosità
Domande e Risposte al Sommelier
Materiali e Strumenti
Il Principe dei Vini Toscani


Il Sangiovese

Un’uva a bacca rossa di grandissima personalità e carattere, che ha dato vita a vini che si sono imposti sui mercati di tutto il mondo.

Il Sangiovese è un vitigno di non facile coltivazione, che dà risultati molto diversi a seconda del microclima e del terreno dove viene coltivato. Tutti i grandi vini toscani sono a base di Sangiovese: il Chianti e il Chianti Classico, il Brunello di Montalcino e il Nobile di Montepulciano. I vini rossi sono dunque i grandi ambasciatori della vitivinicoltura regionale, e non a caso la Toscana è nota nel mondo come la “terra dei grandi rossi”. Insieme al Sangiovese, spesso vinificato in purezza con risultati eccellenti, negli ultimi decenni molti produttori hanno deciso di sperimentare la vinificazione di vitigni non autoctoni come il Cabernet Sauvignon, il Merlot e il Syrah. Proprio l’unione di questi vitigni e del Sangiovese ha dato vita ai così detti “super tuscan”, ossia a quei grandi vini di stile innovativo, che hanno conquistato i mercati grazie alla loro grande personalità e alla loro indiscutibile origine toscana. La presenza del Sangiovese infatti rende questi vini assolutamente diversi da altri grandi rossi prodotti in altre zone vitivinicole del mondo. Non a caso in California e in altre zone del globo si sta sperimentando la vinificazione del Sangiovese, entrato a far parte del Gotha dei vitigni internazionali.
Tuttavia, il territorio toscano non è riproducibile altrove, e il Sangiovese continuerà a esprimersi al meglio proprio nei vigneti di questa regione.Insieme ai grandi vini rossi, la Toscana ha da qualche decennio incrementato la produzione dei vini bianchi, mettendo a dimora soprattutto Chardonnay e Sauvignon. I vitigni bianchi autoctoni come la Malvasia e il Trebbiano, invece, sono utilizzati per la produzione di alcuni vini bianchi tradizionali e per il vinsanto, un vino dolce naturale prodotto con uve appassite e con un procedimento di vinificazione molto lungo e laborioso. Il vinsanto è senza dubbio uno dei vini portabandiera della tradizione toscana, e negli ultimi anni ha vissuto una sorta di rinascita che lo ha portato ai vertici dei vini passiti naturali italiani, perfetto in abbinamento non soltanto ai dolci, ma anche ai formaggi stagionati ed ai paté di fegato.

 
 
Filiera corta
Filiera corta - Powered by InfoCamere SCpA - Laboratorio Sistemi Digitali - help@innrete.net - Credits
 
Valid XHTML 1.0!     Valid CSS!